Skip to main content

Social Marketing Push o Pull? Scopriamone la miglior strategia.

Quante volte navigando sui social, in particolare su Facebook, vi siete trovati di fronte ad una miriade di stati o sponsorizzazioni che vi invitavano a visitare un sito web, un negozio oppure vi propongono continuamente un prodotto e/o servizio. Questo accade maggiormente quando seguiamo una pagina riguardante un’azienda che propone prodotti e servizi. Va precisato che spesso chi gestisce queste pagine sono piccole aziende che non possiedono un Digital Strategist. Sono sicuro che anche voi, come me, avete pensato: NE HO LE SCATOLE PIENE!!! (si ok in realtà non sono le scatole). Per darvi un esempio di ciò, vi propongo degli esempi dove si può notare chiaramente quanto detto:

(Alcune informazioni oscurate per privacy)

In questo caso ho preso come esempio un azienda che si occupa di arredamento. Nonostante sia abbasta rinomata, visitando la sua pagina ufficiale, è possibile notare che usa prevalentemente una strategia di tipo Push.

Strategia Push

Una strategia di tipo push la si ha quando nelle nostre sponsorizzazioni e pubblicazioni, cerchiamo di mostrare e vendere al pubblico un nostro prodotto o servizio. Nelle foto precedenti possiamo notare che in soli 6 giorni, sono state effettuate ben 3 promozioni di tipo Push dove in allegato era presente un link di reindirizzamento alla pagina di acquisto. Il termine Push in inglese significa spingere, infatti in questo caso l’azienda, spinge (o cerca di farlo) il suo pubblico a visitare la pagina ed a comprare il prodotto.

Osservando nuovamente le foto, soffermiamoci al numero di interazioni avute dai post. Sicuramente poche considerando che la pagina possiede più di 66mila followers.

Questo perchè un tipo di strategia prevalentemente Push non fa altro che importunare chi naviga sui social avendo come scopo il semplice intrattenimento.

A quanti di voi è successo di ricevere continuamente chiamate da operatori telefonici per informarvi di varie promozioni? Credo a tutti. Bene questo credo sia un ottimo esempio per far capire come una strategia push usata molto di frequente risulti davvero ossessiva ed invasiva, tanto da portare un fedele follower a non seguire più la pagina di una determinata azienda.

Strategia Pull

Come da significato, ossia tirare, una strategia di tipo Pull ci consente di attrarre a noi il nostro pubblico o coloro che potrebbero essere interessati ai nostri prodotti o servizi. Nonostante sia molto trascurata dalle piccole aziende questa strategia è molto importante se non addirittura più importante e redditizia di una push.

Ma come sia attrae ed affascina il proprio pubblico?

Vi sono svariati modi per farlo. Uno tra i più importanti è informare il pubblico o istruirlo sui temi più interessanti, ovviamente sempre restando in tema con la tipologia di azienda. Andiamo a vedere un esempio.

Osservando la foto notiamo che, nonostante questo post non abbia nulla a che fare con l’azienda in se, ha un numero di interazioni altamente superiore di quando era attuata una promozione esclusivamente push. Questo perchè informando il nostro pubblico (anche usando fonti esterne) diamo l’idea di essere un azienda seria che offre non solo prodotti, ma anche esperienze, emozioni e consigli utili. Questo crea un forte legame di fiducia tra azienda e cliente e rispetto reciproco. Promuovendo solo i nostri prodotti con strategia push, daremmo l’idea di essere avidi e di voler solo lucrare sui nostri clienti. (ricordatevi gli operatori telefonici).

Altre metodologie di attrazione possono essere:

Pubblicazioni simpatiche e divertenti

Contest fotografici (Crea senso di appartenenza ed aumenta l’ego) ma non solo.

Per creare un maggior coinvolgimento possiamo usare concorsi a premi, progetti indirizzati a soddisfare i proprio follower e tutto ciò che ci passa per la mente, purchè non abbia come intento il promuovere il proprio prodotto.

Quale strategia di Marketing utilizzare.

Sicuramente una corretta strategia di marketing è la fusione di entrambe. Alternando una strategia di tipo Push e una di tipo Pull, si crea il corretto mix che consente di avere vantaggi sia in termini di fidelizzazione, ma anche di soddisfazione da parte dei propri clienti. L’errore che commettono le nuovissime aziende è quello di credere che pubblicizzando continuamente i propri prodotti attirino l’attenzione del pubblico, ma in realtà come abbiamo visto molte volte si riceve solo l’effetto contrario.

Personalmente consiglio di attuare per il 60-65% una strategia di tipo Pull, per il 35-40 una di tipo Push. ( Es. Su 7 pubblicazioni in una settimana, 5 saranno di tipo Pull e solo due di tipo Push).

Ovviamente non esiste una percentuale esatta, in quanto ogni pubblico ha una sua risposta alle pubblicazioni, proprio per questo l’unica efficace soluzione è adattare il tipo di strategia di marketing, valutando bene, attraverso gli insights, come e quanto il nostro pubblico interagisce.

Se siete a conoscenza di altri metodi di coinvolgimento fatemelo sapere nei commenti.

 

Immagine di copertina offerta da Freepik

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *